Diritti e libertà nella Costituzione Diritti civili e diritto penale

Il Procuratore Gratteri, il lavoro gratuito dei detenuti e la Costituzione

Scritto da Ernesto Mancini

Il Procuratore di Catanzaro Gratteri, dopo il racconto  sulla “carta bianca per la riforma della Giustizia” da lui concordata col Presidente del Consiglio incaricato Renzi che lo voleva nominare Ministro (vedi intervista di Floris nella trasmissione televisiva “Di Martedì”  del 4 febbraio scorso e  mio articolo critico su www.dirittoepersona.it ) ha rilasciato un’altra intervista alla giornalista Lucia Annunziata la domenica successiva  , 9 febbraio, nella trasmissione televisiva “Mezz’ora in più”.

In questa seconda intervista il Procuratore  ha teorizzato, fra l’altro,  che i detenuti possono lavorare gratuitamente (“non ci sono soldi” ha spiegato) con grande beneficio dello Stato  che così otterrebbe senza spesa manutenzioni di strade, ponti, fiumi e con reciproco vantaggio  dei detenuti che attraverso il lavoro raggiungerebbero l’obbiettivo della loro rieducazione. In questo senso, secondo il Procuratore,  il lavoro ha anche una funzione “terapeutica”.

Al Procuratore è sfuggito che in materia di lavoro dei detenuti il nostro Ordinamento si è molto   evoluto  nel tempo passando  dalla concezione del lavoro come forma di  espiazione della pena  (Regolamento Penitenziario del 1931 e precedenti), al lavoro come forma rieducativa senza alcun carattere afflittivo e con obbligo di remunerazione (artt. 20 e seg. Ordinamento Penitenziario  e artt. 47 e seg. Regolamento di esecuzione di cui al DPR 30 giugno 2000 n.230) . Ciò, peraltro,  in perfetta armonia con normative sovraordinate come le “regole minime per il trattamento dei detenuti” (risoluzione ONU 30.8.1955 punti 71.1 e 76.1)  e Raccomandazione R (2006) sulle “Regole Penitenziarie Europee”. Il nostro Ordinamento si è soprattutto evoluto con l’art 35 della Costituzione che “tutela il  lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni” e con lo Statuto dei Lavoratori (legge 300/70) che tutela la dignità di chi lavora. Non si vede come questa dignità possa essere assicurata senza remunerazione. Non è più il tempo dei lavori forzati.

Da queste normative discende  che il lavoro è un diritto per i detenuti cui corrisponde il dovere dello Stato di organizzarlo e garantirlo. Discende anche che il lavoro non è una “terapia” (come dice il Procuratore),  perché il detenuto non è un malato bensì “solamente”  una persona privata della libertà.  A questa privazione non se ne possono  aggiungere altre, quali celle strapiene, regimi carcerari durissimi, privazione della dignità ed  ora,  lavoro gratuito.

La  richiesta del Procuratore di avere “carta bianca”  per la  riforma della giustizia si può considerare una “parola dal sen sfuggita”, una gaffe insomma,  e perciò, con qualche sforzo,  una dichiarazione scusabile. Ma sul principio del lavoro non retribuito, peraltro dettagliato convintamente nella sua  esposizione, il dr Gratteri l’ha detta grossa. Se  questo è uno dei propositi della “carta bianca” per la riforma della Giustizia siamo ad una concezione  retrograda ed illegale perché in contrasto con la superiore  legge costituzionale e le regole internazionali unanimemente condivise dagli Stati democratici.

Come Magistrato della Repubblica il Procuratore Gratteri non può, nel rapporto Stato/detenuto , far ricadere su quest’ultimo l’ incapacità o la non volontà del primo  di trovare i doverosi finanziamenti  per assicurare lavoro remunerato ai detenuti.

Concludo come ho iniziato il precedente articolo : “ Il Procuratore di Catanzaro Gratteri merita rispetto e ammirazione per la lotta che fa alla ndrangheta e per il conseguente rischio  di vita che corre ogni giorno” . Ora però aggiungo che il Procuratore deve  evitare di proporre soluzioni retrograde ed  incostituzionali in televisione dove dalle sue labbra pendono le opinioni milioni di spettatori.  

Forse questa maldestra proposta del Procuratore resterà inosservata ai più perché in tempo di populismo e giustizialismo dominanti,  a chi importa dei diritti dei detenuti ?

Avv. Ernesto Mancini  – Foro di Verona

12 febbraio 2020

Pubblicato il: 12 Febbraio 2020

Un Commento

Scrivi un commento